Skip to content

Hamilton sponsor dei designer neri: 254mila euro e li porta al Met Gala di New York

Hamilton sponsor dei designer neri: 254mila euro e li porta al Met Gala di New York

https://ift.tt/3lusul7

Da sempre in favore dell’uguaglianza e contro le discriminazioni di ogni tipo, Lewis Hamilton combatte per i diritti degli afroamericani. E ora dagli Usa il pilota Mercedes — volato a New York da Monza per farsi visitare da uno specialista prima della gara di Sochi (26 settembre), dopo la botta al collo rimediata nel contatto con la Red Bull di Max Verstappen — si è reso protagonista di un’altra iniziativa. In occasione dell’annuale Met Gala, il sette volte iridato ha acquistato dei posti super esclusivi, in modo da portare al gala e far conoscere al mondo talentuosi designer neri.

Entrare al Met Gala costa almeno 30 mila euro

—  

Tra gli invitati inclusi da Hamilton, c’erano Theophilio, Kenneth Nicholson e Jason Rembert. Tutti designer emergenti che lo avevano sostenuto fortemente nella sua lotta all’uguaglianza degli ultimi 18 mesi; inclusi a un gala dove entrare costa un occhio della testa: secondo il New York Times, un biglietto vale circa 35 mila dollari (quasi 30 mila euro) mentre i tavoli “virtuali” per includere più di un ospite vanno da 200 a 300 mila dollari (tra 169 e 254 mila euro). Ma di solito quest’ultimi sono acquistati da grandi designer, che invitano celebrità già conosciute in modo da “approfittare” dei vip per pubblicizzare le ultime realizzazioni. Ecco spiegata la grande occasione concessa ai suoi amici artisti da Hamilton, che ha speso la cifra massima di 300 mila dollari.

Le parole di Lewis

—  

“Il Met è il più grande evento di moda dell’anno e volevo creare qualcosa che fosse significativo e che aprisse un dibattito — ha commentato Hamilton a Vogue — Così quando la gente ci vedrà tutti insieme, metterà questi designer neri in cima ai pensieri delle persone”. E ancora: “Viviamo in un momento in cui la diversità e l’inclusione sono molto importanti, ed è per questo che ho fondato la mia Hamilton Commission all’interno del mio stesso sport — ha concluso — Mi sono reso conto che tutto ciò è molto simile al settore della moda. Molti giovani marchi e designer non hanno le stesse opportunità, quindi questo è ciò che mi ha davvero entusiasmato”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

A. F1

via Gazzetta.it https://ift.tt/2MpRYR7

September 15, 2021 at 08:53PM

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: